Busiate con gamberi rossi e ricotta al basilico con Le Marchesine Franciacorta Satèn 2008

Busiate, gamberi rossi e ricotta al basilico con Franciacorta

Il cielo oggi è tornato grigio, la pioggia batte alla finestra (di nuovo!!!!). Cresce di conseguenza, giorno dopo giorno, il mio desiderio (quasi necessità fisica in realtà) di caldo, sole e mare. Chi non aggiungerebbe all’elenco dei “desiderata” anche le cene sotto il porticato godendosi un buon piatto e un fresco calice di Franciacorta con gli amici?

La ricetta proposta oggi è una pasta, semplicissima da preparare, realizzata con quelli che io ritengo essere alcuni degli ingredienti, sapori e profumi, tipici del periodo estivo: pomodori, basilico e pesce. Non siete d’accordo? Inoltre ricordano la Sicilia, isola che io adoro, desidero e sogno: in molte mie ricette trovate infatti pistacchi, arance, gamberi rossi, cous cous. Ovviamente, in questo caso, anche il formato non può che richiamare la terra sicula: le busiate infatti sono un formato tipico siciliano o meglio trapanese, lavorato ancora oggi in modo artigianale, la forma è molto particolare, ideale per raccogliere al meglio qualsiasi tipo di condimento. Siete curiosi di vedere come si fanno? Ho trovato su YouTube questa simpatica “sciura” che le prepara in casa http://www.youtube.com/watch?v=QFyxICvvAkg! (mentre lo guardate potete anche ballare la tarantella!)

Arriviamo al dunque e procediamo!

Ingredienti per 4 persone: 400 gr di busiate trapanesi, 8/10 gamberi rossi, 125 gr di ricotta, 250 gr di pomodori datterini, basilico, olio EVO, sale e pepe, peperoncino, 1 arancia.

Preparazione: pulire i gamberi rossi, eliminando le teste, il carapace e il filetto nero. Metterli in un contenitore e marinarli per una ventina di minuti con il succo dell’arancia, olio, sale e pepe.

A parte, in una pentola, soffriggere in olio uno spicchio d’aglio schiacciato ed aggiungere i pomodorini tagliati a piccoli pezzetti, aggiungere un bicchiere di Franciacorta (è la prima volta che sfumo un sugo di pomodoro con il vino ma vi dirò, ottimo risultato, l’acidità del vino equilibra e “sala” i datterini, che sono molto dolci), aggiungere sale, peperoncino, fresco o secco, e alcune foglie di basilico.

Mettere in una ciotola la ricotta, aggiungere un pizzico di sale (facoltativo), pepe e il basilico fresco tritato. Aggiungere un filo d’olio EVO e lavorare con la forchetta amalgamando gli ingredienti.

Far bollire in abbondante acqua salata le busiate per circa 10/11 minuti, spadellarle con i pomodorini ed impiattarle. Aggiungere quindi una paio di gamberi rossi per porzione ed una quenelle di ricotta al basilico.

Finire con una macinata di pepe e un giro d’olio EVO.

le marchesineLa bottiglia? Un Le Marchesine Franciacorta Satèn 2008: chardonnay in purezza con un minimo di affinamento sui lieviti di 36 mesi. Colore giallo con leggeri riflessi dorati. Perlage finissimo e persistente. Profumo intenso, complesso di fiori di pesco, miele e nocciole. Sapore fresco e invitante, morbido e sottile.

Mi sembrava l’ideale con queste busiate…

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Elisa Lizzy Vianelli ha detto:

    Il primo semplicemente spettacolare… La tipologia di pasta perfetta e gustosa!!

  2. aranelcharlotte ha detto:

    Viene l’acquolina solo a guardar la foto. Bel piatto!

    1. Grazie, prova a fare le busiate anche con un pesto di pistacchi e gamberi rossi crudi…da lacrima agli occhi! Trovi a ricetta nei miei archivi (non ho usato le busiate in quel caso però!)

      1. aranelcharlotte ha detto:

        Senz’altro proverò e ti farò sapere 😉 Buona giornata

      2. Ci conto! Buona giornata a te!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.