Una Franciacortina in Cucina

Il blog di Arianna Vianelli

Appuntamenti (con ricetta). Cous Cous Fest a San Vito Lo Capo

Ve l’avevo detto ieri che il prossimo week end sarebbe stato ricco di iniziative interessanti per gli amanti del buon cibo e potevate anche aspettarvi che il secondo appuntamento del quale avrei parlato, dopo il Festival Franciacorta, sarebbe stato il Cous Cous Fest (che in realtà inizia oggi e prosegue fino a domenica 29)…lo faccio sempre! Ovviamente colgo l’occasione anche per darvi la mia ricetta, inventata di sana pianta ieri sera.

Le informazioni sul Festival, arrivato alla 16° edizione, sono tantissime e per non rischiare di omettere punti importanti riporterò quasi in versione integrale il comunicato stampa diffuso.

Se non vi dispiace prima vi scrivo la mia interpretazione del cous cous che ho ideato tenendo come punto  di partenza, oltre al cous cous naturalmente, il melograno. Non so perché sinceramente, li ho visti al supermercato e da li sono partita, volevo assolutamente utilizzarli…sarà che venivano dal Marocco e quindi mi sembravano ideali per un piatto diffuso nel bacino mediterraneo. Di conseguenza sono venuti anche gli altri ingredienti…pesce, mandorle e uvetta passa…non potevo certo inserire dei porcini :-).

cous cous melograno 2

Ingredienti per quattro persone: 300 gr di cous cous precotto, 2 melograni, 100 gr di mandorle a fettine, 100 gr di uvetta passa, 20 gamberi, 1 pomodoro maturo e mezza cipolla, sale, pepe e olio EVO.

Pulire i gamberi levando la testa e il filetto nero. Con le teste, il pomodoro, cipolla e sale fare un brodo di pesce.

Ammorbidire l’uvetta passa con dell’acqua calda per una decina di minuti.

Sgranare un melograno e tagliare a metà il secondo.

In un tegame far saltare i gamberi con un filo d’olio, aggiungere le mandorle, l’uvetta e una parte dei grani del melograno. Spremere il secondo melograno, lasciare cuocere per un paio di minuti e aggiustare di sale e pepe. Mi raccomando la cottura dei gamberi deve essere velocissima e questa parte del procedimento non deve durare più di 5 minuti altrimenti i gamberi si induriscono.

In una padella scottare il cous cous per due minuti, aggiungere il brodo di pesce bollente (che deve essere il doppio del volume del cous cous), coprire con un coperchio e spegnere il fuoco. Lasciare assorbire per 5/7 minuti.

Sgranare con la forchetta il cous cous, aggiungere la metà del condimento e amalgamare bene.

Impiattare creando dei tortini con un coppa pasta, aggiungere i gamberi ed il condimento tenuti da parte. Una leggera spolverata di pepe e qualche goccia d’olio EVO (che in questo caso serve solo a decorazione, stranamente non ne ho usato molto :-)).

cous cous melograno1

Fatto, buon appetito!

Ecco di seguito tutte le informazioni sul Cous Cous Fest: chi ha la possibilità di essere a San Vito Lo Capo non si faccia scappare l’occasione.

C.S. (ho omesso un paio di paragrafi!)

S. VITO LO CAPO: AL VIA 16^ COUS COUS FEST CON CHEF DA TUTTO IL MONDO

SFIDE DI CUCINA, INCONTRI E CONCERTI PER UNA FESTA DELL’INTEGRAZIONE

TRA GLI OSPITI DE GREGORI, MAX GAZZE’ E LO CHEF FILIPPO LA MANTIA

SAN VITO LO CAPO (TRAPANI), 23 SET. Prende il via domani a San Vito Lo Capo la 16\esima edizione del Cous Cous Fest, il Festival internazionale dell’integrazione culturale. Fino a domenica la cittadina ospiterà una gara gastronomica tra chef di nove paesi, momenti di approfondimento dedicati ai cous cous del mondo, incontri culturali, mostre, degustazioni con chef stellati e grandi concerti. Un calendario fitto di appuntamenti sempre nel segno della multiculturalità, che vede protagonista il cous cous, piatto ricco di storia ed elemento di sintesi tra culture, simbolo di apertura e contaminazione.

La manifestazione è organizzata dal Comune di San Vito Lo Capo in collaborazione con l’agenzia di comunicazione Feedback ed è finanziata dai main sponsor Bia Italia Spa,Electrolux ProfessionalGruppo Campari Aperol Spritz e Conad.

Cuore della manifestazione è una gara tra chef provenienti da nove paesi, al via mercoledì. A sfidarsi saranno Costa d’Avorio, Egitto, Israele, ItaliaMarocco, Palestina, Senegal, Tunisia e, per la prima volta nella storia della manifestazioneanche gli Stati Uniti.

Le ricette saranno giudicate da una giuria di esperti, presieduta dal giornalista Roberto Perrone, del Corriere della sera, e composta da chef e giornalisti internazionali e da una giuria popolare, composta dai visitatori della manifestazione. I protagonisti della gara saranno raccontati dall’attore e cuoco italo-americano Andy Luotto e da Eliana Chiavetta, showgirl siciliana, ma anche da Tinto del duo Fede&Tinto, protagonista di Decanter, programma di culto che va in onda su Rai Radio 2.

Per lo shopping c’è l’expo village, mentre per la gola c’è il villaggio gastronomico aperto da mezzogiorno a mezzanotte con trenta ricette di cous cous diverse, da quelle tradizionali alle varianti internazionali senza dimenticare quelle senza glutine. Nel menu anche i dolci più golosi della tradizione siciliana, abbinati ad etichette selezionate. Il biglietto per le degustazioni costa 10 euro e prevede un piatto di cous cous a scelta, un dolce siciliano e un bicchiere di vino.

Il programma del Cous Cous Lab è dedicato al pubblico che ha la possibilità di assistere dal vivo alla preparazione, e poi assaggiare, le migliori ricette di cous cous, presentate da grandi chef. Gli appuntamenti sono gratuiti fino all’esaurimento dei posti disponibili. Domani si comincia alle 15:30 con il primo appuntamento delle Electrolux Experience, firmate da Electrolux Professional, main sponsor della rassegna. Sul palco ci sarà Ciccio Sultano, chef e patron del ristorante Duomo di Ragusa Ibla, con due stelle Michelin. Si prosegue alle ore 19 con la chef sanvitese, Piera Spagnolo, che presenterà una ricetta di cous cous senza glutine, a base di mais. Quest’anno tra le novità i “Master Cous Cous Bia“, lezioni di cucina con i visitatori della rassegna che potranno cimentarsi nella preparazione del cous cous con la guida di esperti e chef e momenti dedicati  ai più piccoli.

Uno degli appuntamenti più attesi, sabato pomeriggio, metterà a confronto rappresentanti ed esperti di cristianesimo, islamismo e buddismo, sui temi della convivialità, a cominciare dal cous cous, come piatto che unisce i popoli, elemento che può favorire il dialogo interreligioso fra cristiani, musulmani ed ebrei.

Festival nel festival, a cielo aperto è lo spettacolo degli artisti da strada, che si esibiranno al tramonto del sole in più angoli della cittadina, in via Savoia parte alta, in via Immacolata e in via Arimondi: qui, sui palchetti, funamboli, artisti, acrobati e musicisti daranno vita a show che strapperanno sorrisi e applausi al pubblico presente. Quest’anno tra gli ospiti anche lo chef dei vip, Filippo La Mantia, che firmerà una speciale ricetta di cous cous a sostegno dei progetti di Medici Senza Frontiere per le popolazioni della Siria e dei paesi confinanti. Mercoledì, a partire dalle ore 20, sarà possibile degustarlo al Palabia, sul lungomare di San Vito, a fronte di un contributo di 15 euro. Il ricavato sarà devoluto ai progetti dell’organizzazione medico umanitaria.

La sera di mercoledì e giovedì, sul palco, arrivano i grandi ospiti di “Café le cous cous”, il talk show del Fest condotto da Chiara Maci di La7, che racconterà l’integrazione intervistando grandi ospiti. E poi, spazio alla musica. Si comincia domani alle ore 22,30 con un colosso della musica italiana, Francesco De Gregori, ancora on the road, sui palchi di tutta Italia, ad incantare un pubblico che non l’ha mai abbandonata. La sua vena compositiva non s’è mai esaurita: dagli esordi negli anni Settanta ad oggi la sua ricerca musicale s’è intrecciata ripetutamente con i gusti del pubblico (da solo, ma anche in compagnia di altri artisti, da Dalla a Ron, da Daniele a Mannoia), ottenendo anche larghi consensi da parte della critica. Il suo ultimo lavoro in studio è “Sulla strada”, pubblicato nel novembre 2012, certificato come disco d’oro dopo pochi mesi. E De Gregori, a San Vito, presenterà brani di quest’ultimo cd, oltre ad alcuni classici di un repertorio che annovera capolavori e hit immortali.

foto chef senegal con piatto

Il cous cous

Il cous cous, piatto giramondo, unisce in sé il globale e il locale. Ovunque sia approdato, in giro per il mondo, il piatto ha sposato le caratteristiche del territorio, legandosi profondamente alle tradizioni, religiose e conviviali dei popoli e diventando, volta per volta, maftoul, kseksou, cuscus, cascasa, sekso, kskso, kuskus, kuski, burgul o tabouleh.

Questa tradizionale pietanza a base di semola di grano, cotta a vapore, servita con un bouillon aromatico arricchito del sapore delle verdure di stagione, legumi, aromi e spezie, carne o pesce, rappresenta da sempre il piatto simbolo della cucina maghrebina, specie nei giorni di festa. Il cous cous, nonostante l’eterogeneità delle tradizioni, conserva una natura conviviale: un unico piatto rotondo dal quale tutti possono attingere semplicemente con le mani dopo il rituale Bismallah (“in nome di Dio”), o, al massimo, con pane lievitato prendendo un pezzo di carne o di verdure e formando una pallina con la semola. Il Corano, a tal riguardo, dispone addirittura che il cous cous vada mangiato con le so­le tre dita della mano destra, per distinguersi dal diavolo che mangia con uno, dal Profeta con due e dall’ingordo che ne usa cinque. Il termine cous cous indica sia la “semola” che il piatto completo, nella sua terra d’origine, dal Marocco alla Libia. Questa semola si presta a una varietà infinita di piatti: da quello più semplice con lo smen, un burro “fermentato” e un bicchiere di latte cagliato, ai ricchissimi cous cous delle feste di matrimonio e di ricevimento. Si tratta di una specialità presente in innumerevoli versioni regionali e stagionali dal Marocco alla Libia, dall’Algeria alla Tunisia. Ma superato l’Egitto, se ci spostiamo nel Mediterraneo verso il Medio Oriente o nell’area turco balcanica, i chicchi di semola assumono altre forme e denominazioni e sono spesso sottoposti ad un diverso procedimento di lavorazione e cottura. Un piatto locale, dunque, il cous cous, ma al tempo stesso globale: non partecipa all’omologazione del gusto ma si esprime in tante e diverse contaminazioni territoriali.

Potete trovare altre informazioni sul sito www.couscousfest.it oppure in questo programma definitivo

Annunci

2 commenti su “Appuntamenti (con ricetta). Cous Cous Fest a San Vito Lo Capo

  1. Pingback: Appuntamenti (con ricetta). Cous Cous Fest a San Vito Lo Capo | Food Blogger Mania

  2. Pingback: Cous cous alla melagrana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Privacy Policy

Il mio altro blog…

Scrivo anche per…

trova ricetta

Worldrecipes

@MondoSnello

Cibus

CIBVS
Alex Cattaneo

Fitness & Wellness

Consigli Fitness

Consigli, curiosità e approfondimenti sul mondo dello sport e del benessere.

FRANCESCOBEGHI.IT

Di vino, di cibo e di passioni

Petra. Un Viaggio

Il viaggio è terminato a novembre 2014 | Per info visita www.petrawine.it

Infernot Enoteca Degustazione

L'unica enoteca con degustazione di Pavia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: