Una Franciacortina in Cucina

Il blog di Arianna Vianelli

Spaghetti con sardine essicate e germogli

Dopo troppo tempo lontana dai fornelli a causa dei mille impegni, stasera non ho resistito e nonostante la stanchezza ho indossato il grembiule, mi sono versata un calice di vino e ho mi sono rilassata cucinando.

La ricetta, come sempre, è facilissima, non prevede lunghe e complicate preparazioni, ma necessita di ottime materie prime.  Gli ingredienti sono solo quattro (acqua, sale e pepe a parte ovviamente): spaghetti, sardine essiccate del lago d’Iseo (tra poco le mangio anche a colazione 🙂 ), germogli e olio extra vergine di oliva.

Mi permetto di dilungarmi un pochino su ciascuno.

ingredienti barolo giovanni manzone

Gli spaghettoni naturalmente sono Benedetto Cavalieri, come più volte detto, non trovo eguali in questo formato: hanno un diametro extra, sono ottimi anche solo con un filo d’olio perché hanno il sapore del grano, sono ruvidi e diventano un tutt’uno con il condimento.

Che aggiungere della sardina? Penso di aver già scritto tutto ma forse è il caso di ripetere un’informazione perché pubblicando la foto in Instagram mi hanno chiesto se nel Lago d’Iseo ci sono le sardine. Domanda più che lecita. Non si tratta di sardine ma di agoni, noi locali comunemente le chiamiamo sardine semplicemente per la somiglianza al pesce azzurro e così fa anche Slow Food che ne ha fatto un proprio Presidio, leggete qui se siete curiosi.

I germogli? Una scoperta e una risorsa, sempre. Stasera ho usato dei germogli misti di lenticchia, fagioli e ceci ma ne ho provati moltissimi. Hanno due grandi punti di forza: hanno tutti un sapore delicato ma ben contraddistinto e sono belli da vedere cosa importantissima per chi considera la presentazione di un piatto molto importante.

L’olio extra vergine di oliva. Per questa ricetta ho provato l’olio umbro dell’azienda Moretti Omero di Giano dell’Umbria. Le cultivar utilizzate sono moraiolo, frantoio e leccino ed una piccolissima percentuale di S. Felice, una varietà autoctona. Profumo vegetale e piccantezza media lo rendevano ideale per valorizzare i germogli di legumi.

Chi è arrivato a questo punto ha fame e sete quindi ecco la ricetta e l’abbinamento che non è ne con Franciacorta (dopo cinque giorni di Vinitaly me lo concedo da sola), ne con birra (anche se qualche ideuzza mi è venuta in mente). Stasera Barolo, ideale anche per il secondo di carne.

La ricetta!

spaghetti sardine e germogli

Ingredienti per quattro persone:

  • 400 g di spaghettoni
  • 8 filetti di sardine essicate
  • 200 g di germogli di legumi
  • olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe nero

Portare a bollore abbondante acqua, salarla e buttare la pasta. Nel frattempo tagliare a listarelle i filetti di sardina e farli saltare per tre minuti a fuoco alto con un filo d’olio. Aggiungere i germogli.

Dopo 12 minuti di cottura, scolare gli spaghetti ed unirli al condimento insieme ad un mestolo o due di acqua di cottura. Ancora due minuti a fiamma alta e sono perfettamente al dente.

Impiattarli aggiungendo una macinata di pepe nero e un filo d’olio.

Come anticipato ecco il vino: Barolo Bricat 2009 di Giovanni Manzone, piccola azienda (le bottiglie prodotte sono in totale 50.000) di Monforte d’Alba. Questo Barolo viene prodotto con le uve provenienti dalla Vigna Gramolere, ed esattamente dalle piante esposte a sud.
La macerazione avviene per 35-40 giorni a 28-31°C e l’invecchiamento metà in botte e metà in tonneux per 36 mesi.
Al naso rivela un profumo ampio, penetrante e persistente con note di more e mirtillo. Il colore è rosso rubino con note granato. Il sapore è complesso, elegante con un tannino vellutato che lo ha reso adatto ad accompagnare la pasta.

 

 

Annunci

11 commenti su “Spaghetti con sardine essicate e germogli

  1. maximusoptimusdominus
    aprile 11, 2014

    L’ha ribloggato su MAXIMUSOPTIMUSDOMINUS.

  2. Pingback: Spaghetti con sardine essicate e germogli | Food Blogger Mania

  3. francesco iaco
    aprile 14, 2014

    L’ha ribloggato su sperimentoincucina.

  4. Mauro Manzone
    aprile 15, 2014

    L’abbinamento deve essere stato spettacolare! complimenti al vostro blog e agli abbinamenti che proponete, sempre superbi!

    • Arianna Vianelli
      aprile 15, 2014

      Caro Mauro, concordo per l’abbinamento. Come scritto il tannino vellutato di questo Barolo era perfetto anche per la pasta nonostante non fosse preparata con ingredienti troppo ricchi. Grazie, A presto!

  5. gregorybateson
    aprile 24, 2014

    L’ha ribloggato su gregorybateson.

  6. Carlo Galli
    aprile 24, 2014

    Un ex Franciacortino che proverà le tue ricette 🙂

    • Arianna Vianelli
      aprile 24, 2014

      Ottimo direi! Mi spiace però che tu sia ex…

      • Carlo Galli
        aprile 24, 2014

        mi son venduto al gardesano 😦
        Ma le passeggiate sulle colline le faccio ancora heheh

      • Arianna Vianelli
        aprile 24, 2014

        Bellissima zona anche quella ma ogni tanto tornare in Franciacorta per le passeggiate nei vigneti fa bene!

      • Carlo Galli
        aprile 24, 2014

        Molto bene… soprattutto zona monticelli 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Privacy Policy

Il mio altro blog…

Scrivo anche per…

trova ricetta

Worldrecipes

@MondoSnello

Cibus

CIBVS
Alex Cattaneo

Fitness & Wellness

Consigli Fitness

Consigli, curiosità e approfondimenti sul mondo dello sport e del benessere.

FRANCESCOBEGHI.IT

Di vino, di cibo e di passioni

YOGALIFE

Parole e pensieri di una yogini esploratrice, curiosa, ma decisamente poco convenzionale!

Infernot Enoteca Degustazione

L'unica enoteca con degustazione di Pavia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: