Spaghetti integrali con crema di zucca, acciughe e polvere di liquirizia

Buon anno a tutti!

Anche il 2015 è arrivato e, carica di buoni propositi, mi rituffo in cucina dedicando un po’ di tempo ai fornelli e a qualche nuova ricetta. L’anno nuovo non porta (volontariamente) nei miei piatti grandi cambiamenti. Le ricette restano semplici, veloci da realizzare, replicabili da chiunque e al contempo anche gustose e gradevoli da vedere.

spaghetti integrali con crema di zucca e polvere di liquirizia

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 gr di spaghetti integrali (io ho provato per la prima volta quelli di Cavalieri, sono molto buoni e saporiti)
  • 300 gr di zucca
  • 8 filetti di acciuga sott’olio
  • una manciata di semi di zucca
  • 1 cipolla
  • un pizzico di cannella
  • un cucchiaio di aceto di mele
  • olio extra vergine di oliva
  • sale
  • un pizzico di polvere di liquirizia

In un tegame soffriggere la cipolla tritata finemente, aggiungere la zucca fatta a pezzetti, un paio di bicchieri di acqua e l’aceto. Lasciare cuocere per circa 30 minuti. Aggiungere un pizzico di cannella in polvere e aggiustare di sale.

Frullare tutto con il frullatore ad immersione fino ad ottenere una crema liscia.

In una padella far sciogliere in un filo d’olio i filetti di acciuga e aggiungere la crema.

In una pentola cuocere in acqua salata la pasta, scolare molto al dente ed aggiungere al condimento con un paio di mestoli d’acqua di cottura.

Amalgamare bene e far assorbire l’acqua.

Impiattare aggiungendo su ciascuna porzione una spolverata leggera di polvere di liquirizia*, alcuni semi di zucca e un filo d’olio extra vergine di oliva.

* preparare la polvere di liquirizia è semplicissimo, è sufficienti tritare finemente della liquirizia pura fino ad ottenerne una polvere sottile. Importante, se usata su piatti salati, dosarla nel modo giusto, senza mai esagerare. Il gusto troppo forte potrebbe rovinare il piatto. Qui trovate anche un’altra ricetta (Risotto al limone e liquirizia).

Il piatto, nonostante sia a base di zucca che di solito ha un sapore dolciastro, è abbastanza sapido, grazie alle acciughe, e leggermente agrodolce per l’aggiunta dell’aceto di mele. In abbinamento un Franciacorta Castello Bonomi Cruperdu che nel finale lascia in bocca note balsamiche che ben riprendono il leggero sapore di liquirizia.

 

 

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Una ricetta degna di un ristorante stellato, complimenti! Da rifare!
    Chiara

  2. Viaggiando con Bea ha detto:

    Ma che mix d’ingredienti particolari!!|

  3. Astrid ha detto:

    Arianna le tue ricette mi piacciono tantissimo, sono semplici, originali, pratiche e sempre di grande effetto!
    A presto, Astrid.

    1. Arianna Vianelli ha detto:

      Ciao Astrid, grazie mille! Devo ancora pensare alla ricetta della settimana, spero di stupirti anche con quella…slitterà a giovedì però! A presto!!!

      1. Astrid ha detto:

        E io l’aspetto allora 🙂

  4. claudia ha detto:

    per fare la polvere di liquerizia usi la radice o le pasticche?

    1. Arianna Vianelli ha detto:

      Ciao Claudia, serve la liquirizia pura… Per intenderci proprio i pezzetti duri e neri… Puoi comprare gli Amarelli purissimi, sono più facili anche da tritare. Fammi sapere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.