Fettuccine al cavolo rosso, nocciole e mela

Eccomi qui con la ricetta della settimana, un piatto “casualmente” vegano, dato che la scelta degli ingredienti è stata dettata dalla mancanza degli stessi in dispensa :-). Poco male, la cena doveva pur essere fatta quindi mi sono armata di fantasia, del cavolo rosso che sostava triste in frigorifero da qualche giorno, della frutta secca della colazione e delle mele “tagliafame” necessarie per la mia sopravvivenza.

Unica “pecca” della ricetta è che necessita della centrifuga e so che non tutti ne sono provvisti, io stessa ho preso in prestito per le vacanze di Natale quella comunitaria dell’ufficio e che entro l’estate (non vi preoccupate lo farà prima) dovrò riportare… Ricomincerà il rito dei mega centrifugati vitaminici grazie ai quali speriamo di dimagrire, prevenire, “antiossidarci”, ringiovanire e migliorare l’abbronzatura.

Comunque se non si ha la centrifuga non bisogna disperare, aggiungo un procedimento alternativo.

Fettuccine cavolo rosso

Ingredienti per quattro persone:

  • 350 gr di fettuccine integrali
  • 1/2 cavolo cappuccio rosso
  • 60 gr di nocciole 
  • 1 mela 
  • qualche goccia di succo di limone
  • olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe

Tagliare grossolanamente il cavolo rosso, lavarlo bene e centrifugarlo.

Tritare le nocciole (non è necessario usare il tritatutto, è sufficiente un pestello o, come ho fatto io che odio profondamente lavare gli elettrodomestici da cucina e in questo caso avevo già l’incubo centrifuga, il fondo di un bicchiere ed un tagliere).

Sbucciare la mela, tagliarla a listarelle sottili da immergere subito in acqua acidula con il succo di limone per non farle annerire.

Portare a bollore l’acqua salata, cuocere la pasta ma scolarla molto al dente. In una padella versare il succo di cavolo rosso, aggiungere sale e pepe q.b. Scaldare, aggiungere la pasta e lasciare assorbire il liquido in eccesso.

Impiattare le fettuccine e sopra ciascuna porzione aggiungere la granella di nocciola, la mela e un filo d’olio extra vergine (magari un po’ piccante per rafforzare il gusto del piatto).

Et voilà, les jeux sont faits!

Come scritto sopra, al posto di fare il centrifugato è possibile creare una crema di cavolo rosso con il frullatore ad immersione e condirvi la pasta, il colore violaceo sarà lo stesso ma si aggiungono in questo modo un po’ più di corpo e una sensazione cremosa in bocca.

In abbinamento Terra Donata Franciacorta Brut, fresco, con una buona beva, ideale per il piatto leggero di oggi.

Terra Donata Franciacorta

12 commenti Aggiungi il tuo

  1. Marty&ile ha detto:

    Meraviglia … complimenti

    1. Arianna Vianelli ha detto:

      Grazie mille, effettivamente il colore viola colpisce molto ed è divertente essendo inusuale!

  2. Astrid ha detto:

    Fantastica ricetta!

    1. Arianna Vianelli ha detto:

      Grazie, uno degli aspetti che mi piacciono della ricetta è la semplicità e velocità…fai colpo sui commensali con 30 minuti di preparazione! A presto, Arianna

      1. Michela Muratori ha detto:

        fatto da te sembra tutto una robetta così… che fame fai venire bravissima Ari!!!

      2. Arianna Vianelli ha detto:

        Ciao Michi! Una sera ti aspetto a cena cosi ti dimostro che e’ davvero semplice! Cena con vini Villa Crespia!

  3. pixel46 ha detto:

    L’ha ribloggato su Operazione Tortellino.

  4. Elena Vianelli ha detto:

    Adoro l’abbinamento cromatico!

    1. Arianna Vianelli ha detto:

      Grazie Elena! L’occhio deve sempre avere la sua parte…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.