Risotto con salsiccia di podolica e asparagi e Senti Oh! Maremma Toscana Igt

Sono mesi che non cucino o scrivo (accidenti a me), ma torno oggi con la ricetta di un primo piatto semplice e gustoso  realizzata ad hoc (ed in extremis 🙂 ) per un contest ideato da Cucina Semplicemente, sito dedicato alla cucina a 360 gradi nel quale potete trovare ricette per tutti i gusti, tutte le intolleranze e stili alimentari.

L’ingrediente principale è la salsiccia di vacca podolica, una razza bovina tipica del sud d’Italia, in questo caso pugliese, essendo l’azienda produttrice la Michele Sabatino di Apricena, in provincia di Foggia. La salsiccia è profumata, gradevolmente speziata e poco grassa.

Risotto con asparagi e salsiccia di podolica

 

Ingredienti per quattro persone:

  • 450 g di riso 
  • 250 g di salsiccia di vacca podolica Selezione Sabatino
  • un mazzetto di asparagi verdi
  • un bicchiere di vino bianco
  • una noce di burro
  • olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe

Togliere il budello delle salsicce e rompere con le mani la pasta. In un tegame scaldare un filo d’olio, aggiungere la carne e cuocere per una decina di minuti.

Lavare gli asparagi, tagliarli a tocchetti e, ad esclusione delle punte, usarli per preparare un brodo vegetale leggermente salato.

Aggiungere il riso, sfumare con del vino bianco e, appena evaporato, iniziare ad aggiungere il brodo.

Continuare la cottura per circa 12 minuti, aggiustare di sale. Spegnere il fuoco e mantecare con una noce di burro oppure un filo di olio extra vergine di oliva (io adoro il profumo e il sapore dell’olio aggiunto in ultimo).

Impiattare aggiungendo, per finire il piatto, le punte di asparago sbollentate in acqua leggermente salata per un paio di minuti.

A piacimento un filo d’olio e per me l’immancabile pepe nero.

In abbinamento un calice di Senti Oh! Maremma Toscana Igt dell’Azienda Fontuccia, una delle poche cantine dell’Isola del Giglio. Si tratta di Ansonica (o Insolia) in purezza, un vitigno tipico della bassa Toscana e Lazio.

ansonica senti oh

Il colore è giallo intenso, il profumo è penetrante e complesso, quasi tostato. In bocca risulta sapido e potente. L’annata è la 2013. L’immagine della vigna con lo sfondo blu del mare, la passeggiata nel vigneto ad ammirare piante con cent’anni di vita e il ricordo del gabbiano (perennemente) appollaiato sulla roccia che domina l’altura mi fa apprezzare ancora di più questo buon calice.

Senti oh vigneto

senti oh vigna

P.s. Con questa ricetta partecipo al contest di Cucina Semplicemente Selezione Sabatino

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. francesca meoni ha detto:

    Vi aspetto tutti a Firenze per farvi conoscere la nostra cucina tradizionale, fatta di prodotti tipici e sapori unici

  2. Libri Di. Cioccolato ha detto:

    Ottima ricetta, davvero 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.